bresciachecorre
La zucca e l'Amanita Cesarea di Giacomo Necchini - colline di muscoline

Amanita caesarea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Amanita caesarea, Synopsis Methodica Fungorum (Göttingen) 2: 252

L'Amanita caesarea, volgarmente conosciuta come ovolo buono, è uno dei più apprezzati e ricercati funghi commestibili, da molti consumato anche crudo con insalata. Al contrario di molte specie fungine che necessitano di umidità elevata, questa specie predilige un clima secco.
La sua prelibatezza indusse gli antichi Romani a definirlo "Cibo degli Dei" ed a tutelare i boschi in cui si riproduceva

Eccellente sia cotto, che crudo in insalata.

È spesso indicato come il miglior fungo commestibile, ma vi sono pareri discordanti al riguardo, in quanto alcuni micologi considerano questa specie di gran lunga inferiore ad altre dal punto di vista gastronomico, ossia priva di odore e sapore particolari.

ATTENZIONE: si raccomanda di non raccogliere MAI esemplari allo stato di ovolo o non dischiusi, e ciò sia perché le spore non possono disperdersi nell'ambiente e sia perché è più facile la confusione con altre specie velenoso-mortali.
N.B. Anche il taglio in sezione longitudinale del fungo chiuso ad ovolo non basta a distinguere l'Amanita caesarea da altre amanite ed anche quando è dischiusa può essere confusa a prima vista con l'Amanita aureola (VELENOSA), anch'essa con il cappello arancione.

Martina e Michela e la zucca gigante di Giacomo

Fai clic su un'immagine per visualizzarla in dimensioni maggiori.